Dicono di lei



Estratti da recensioni (1993 - 2013)

... è teatro dell’essere, dell’esistenza femminile
nella società. È arte con la A maiuscola, nell’interpretazione di un’attrice che diviene divinità grazie al proprio timbro diaframmatico eccezionale e inconfondibile: una ‘vocedonna’ che snocciola ‘parole-femmina’, nell’avvenuta maturazione di se stessa.
Donne senza Censura di P. Schiavo
Vittorio Lussana- Periodico italiano magazine 2013

Un'attrice che conosciamo da tanti anni ma che qui ...è come se rivelasse se stessa e tutto il suo talento per la prima volta. C'è ...una quantità di umorismo e d'ironia, una varietà di toni e ritmi, una tale vitalità che ci si può solo augurare che sia visto...da molti più spettatori di quelli che ne hanno avuto finora la fortuna.
Donne senza Censura di P. Schiavo
Franco Cordelli- Corriere della sera- Roma 2013

...Uno spettacolo di protesta, di rivendicazioni. Amaro, sentito, irriverente. Una pièce dai toni duri, più duri nel buio. Patrizia Schiavo con il suo “Donne senza censura” abbatte il muro del silenzio, delle ipocrisie e del perbenismo di una società che ci vuole solo a determinate condizioni.
Attraverso le parole di Letizia Servo, scrittrice di successo a cui delega la sua voce di donna e di artista, si racconta con fare provocatorio il profilo di una donna, come tante arrabbiata, delusa, disillusa, che grida il suo bisogno di ascolto dall’angolo più remoto della sua intimità, che ha sete di cose giuste, pulite.
Donne senza Censura di P. Schiavo
Chiara di Pietro- Saltinaria- Roma 2013

...E allora il teatro torna a farsi, su di sé, sulla propria sconfitta, usando il proprio corpo e la propria passione, il vissuto interno ed esterno. Torna a deformarsi la figura a farci stare dentro ciò che non è svolto, la vita di troppo che eccede fino alle assi di un palcoscenico. Di tanto è carica Patrizia Schiavo, autrice e interprete... esce a radunare tutti in circolo e chiedere, scardinare resistenze e avere in cambio reazioni. Qualcuno prova a parlare, superare la ritenzione.
Poi si scioglie un filo e si dipana il gomitolo, si riesce a dire, subito, quel che è stato. E allora si riconosce la propria vita in quel che si è visto... un teatro, per una sera tornato ad essere spazio di verità. Ecco c’è chi passa il
tempo a mostrare teatro, chi si affanna coraggiosamente a farlo, poi qualcuno ci ricorda che non c’è modo di mostrare o fare, se ci si dimentica di essere.
Donne senza censura
Simone Nebbia- Teatro e Critica 2013

Un alternarsi di voci che narrano la vicenda, i sentimenti e le anime dei corpi risucchiati dal mare. È questa la voce del mare? E che Paese è mai questo che 'ignora' le tragedie dei migranti? Un lavoro di regia e drammaturgia di altissimo livello. Un canto a più voci che diventa immagine: ... "Scorro, schiumo, sciabordo"...è quel mare che culla le speranze e i sogni; è metafora di un apparente quiete, di una monotona indifferenza verso la sofferenza altrui. Magistrale.
Canto Clandestino adattamento e regia di P. Schiavo da M. Sammartino 
Francesca Buffo- Periodico Italiano magazine. Fringe Festival di Roma 2013

...riadattato da Patrizia Schiavo con un'ampia gamma di registri stilistici, dalla lirica visionaria alla crudezza spoglia del resoconto, dall'asettica cronaca giornalistica al pathos corale. Il palco è avvolto in reti lacere da cui emerge qualche oggetto buttato come povera cosa alla deriva (una sedia rovesciata, un barile, una valigia...)...gli interpreti tessono la dinamicità drammaturgica nelle varianti espressive dei personaggi evocati. Musica, poesia (nel solco di una tradizione colta e popolare che dalla ballata di Coleridge arriva a Capossela). Spettacolo intenso che avrebbe meritato un pubblico molto più numeroso.
Canto Clandestino da Mimmo Sammartino
Manuela Camponovo- Giornale del Popolo- Lugano CH 2009

...bella l'interpretazione di Patrizia Schiavo...
Boccuccia di Rosa di Pietra Selva
Osvaldo Guerrieri- La Stampa-Torino 2008

La C.N. T. fondata dall'attrice romana Patrizia Schiavo, ci ha abituato ad assistere a spettacoli innovativi e impegnati, sia per gli argomenti trattati (come radio Apocalisse" sul tema della guerra) sia per la messa in scena......"Serve e Spettri" è un gran cerimoniale tragicomico degli attori in cerca dei loro "spettri", dei loro corpi luminosi, smembrati, esasperati e possenti, per una farsa angelica e nera.
Serve e Spettri di P. Schiavo da J.Genet
Mirta Gobbi- La Regione Ticino 2003

Patrizia Schiavo è regista e interprete di....un'operazione raffinata sostenuta da una recitazione di buon livello...giocata su dualismi oppositivi che si riflettono in una immaginaria prospettiva all'infinito con l'aggiunta degli spettri. .. che evocano l'azione, la commentano o la suggeriscono...il rapporto serve-padrona diventa ciò che voleva essere per Genet...la relazione universale tra carnefice e vittima... La specularità dell'elemento maschile e femminile...senza mai scadere nella farsa caricaturale ma mantenendosi ad un livello di simbolismo astratto...
Serve e Spettri di P. Schiavo da J.Genet
Manuela Camponovo- Il Giornale del Popolo- TI-Teatro Foce Lugano 2003

Geniale spettacolo-cena...grazie alla bravura della C.N.T. di Locarno...Un primo assaggio a tinte forti mentre ci accingiamo ad entrare...lo spazio intorno a noi,  il nulla fino a pochi miniti prima, diventa un palcoscenico...gli attori con ritmo incalzante... coinvolgono i presenti sempre più rapiti...magicamente appare un aperitivo...poi al piano di sopra ci attendono le terapie, il pubblico diviso in gruppi nelle stanze...Mentre attraversiamo le tematiche più o meno serie della nostra esistenza...come in un gioco di prestigio i piatti ci vengono sostituiti... La cena si plasma e fonde con l'azione scenica in un armonioso e atipico intreccio...con il dessert termina la serata e restiamo li a cercare con lo sguardo coloro che...ci stavano saziando lo spirito. Il teatro è servito...e mi auguro che come me non ne sarete sazi mai.
Maniaci, depressi, geni, erotomani scritto e diretto da P. Schiavo
Arianna Livio- Ristora Magazine - Hotel ristorante De Fanti CH 2003

...regista e autrice di uno spettacolo stimolante scritto con intensità e partecipazione.
Radio Apocalisse
Sabrina Faller- La Regione Ticino- Teatro Foce Lugano. CH 2002


...La Schiavo "Signora" dai toni profondi con passaggi chiaroscurali, che accompagnano una recitazione drammaticamente matura giganteggia in scena con una passionalità che la sorregge già da oltre vent'anni. Il tempo riuscirà ad imporla sicuramente perchè la bravura come la vera solitudine vince ogni inibizione.
Il Passaggio di C. M. Alsina
Guerrino Mattei- Il Giornale d'Italia. Teatro dell'Orologio. Roma 2001



Somiglia all'esecuzione di un quartetto d'archi, l'allestimento de "Il Passaggio": non solo grazie agli interpreti che per l'attenzione con cui sostengono tempi, ritmo e intonazione della voce, fanno pensare ai gesti di un musicista impegnato in un pezzo da camera, ma anche per scelta drammaturgica e registica di mettere in scena una situazione del tutto astratta e plausibile solo per i suoi rimandi simbolici.
Il Passaggio di C. M. Alsina
Eti-Informa- Stefano Adamo.Roma 2001

 ...La piece... ha il pregio di mettere in evidenza le qualità mattatoriali della protagonista...naturale e indubbio talento d'attrice.
Il Passaggio
Giorgio Thoeni -  L'Azione- Teatro di Lugano. CH 2001

...la messa in scena vive per tutta la sua durata di una forte tensione, alimentata a tratti da una notevole carica erotica: l'incontro tra eros e thanatos...la sessualità come strumento di dominio. Una senzazione di inquietante disagio avvolge la sala dal primo all'ultimo minuto, e il caloroso applauso assume fino in fondo per il pubblico la sua funzione liberatoria.
Il Passaggio di C. M. Alsina
Gianfranco Helbling- La Regione Ticino. TI-Teatro Foce. Lugano 2001

...uno spettacolo che nasce dall'amore per un teatro dell'attore...supportato da una scansione rigorosissima dei tempi di battuta e da un ricorso continuo alle risorse del mestiere...colpi di scena, tensioni, affinità, conflitti...sulla natura e lo scopo del "passaggio" restano solo domande come nella tradizione del teatro dell'assurdo
Il Passaggio di C. M. Alsina
La Repubblica - Stefano Adamo- Roma 2001

... senza dubbio un'attrice che ha notevole stoffa da vendere...un retroterra culturale forte, legato a un sentire il teatro dalle radici mediterranee, calde e violente, con un fondo di disperazione...
Metamleto da Shakespeare
Giorgio Thoeni- Azione 1998

...Patrizia Schiavo è interprete eccellente, trascorre senza problemi dal comico al drammatico, al grottesco...il momento clou...è il monologo a due sotto il letto, commovente nel suo comprensibile assurdo...con una Patrizia Schiavo che ricorda la Winnie dei Giorni Felici beckettiani...
Delirio (a due o a quanti se ne vuole) di E. Ionesco.
Sabrina Faller- La Regione Ticino. Teatro di Locarno.CH1998

...Attrice, autrice, regista che anima da qualche anno la scena ticinese....e aggiunge un ulteriore tassello alla sua ricerca artistica...Questo Delirio appare come una sorta di "Summa" del pensiero di Ionesco...La Schiavo sa essere attrice efficace dando prova d'usare tutte le sue risorse per graffiare la scena con volute esagerate gestualità miste a calcolati straniamenti...
Il dialogo scontro tra i due diventa una grottesca partita di tennis, dove a volare sono le parole, le domande insistite, le paure infantili, le idiosincrasie.  La bizzarra scenografia di Gerardo Wuthier, in stile con lo spazio metaforico richiesto dalla regia, sostiene i due attori protagonisti nella loro giostra e nelle loro trasformazioni...Lui e lei giocano a rimpiattino, si respingono e si attraggono, temono gli invasori, bisticciano e si interrogano fino al parossismo mentre due loschi figuri in guisa di moderni lanzichenecchi fanno da metatesto e contraltare...il loro contrappunto si fa strada simpaticamente con involontaria autorevolezza proprio perchè agiscono si soppiatto, da "enfants terribles" pronti al vile assalto.
Delirio (a due o a quanti se ne vuole) di E. Ionesco.
Giorgio Thoeni -  L'Azione Ticino- Teatro di Locarno-CH 1998

La C.N.T è sempre riuscita a creare spettacoli di ottimo livello, come conferma anche quest'ultima produzione...Il teatro dell'assurdo è un teatro di amare verità. Ma anche di irresistibili spunti comici...Patrizia Schiavo autrice dell'adattamento nonchè regista e interprete, non dimentica le due direzione che si fondono in una sola, quella del grottesco....
Delirio (a due o a quanti se ne vuole) di E. Ionesco.
Corriere del Ticino CH- 1998

All'attrice Patrizia Schiavo un sincero applauso. E' brava quando è tragica,ironica,melodrammatica, cattiva,fatalona e volgaruccia...
Titolo fascinoso che racchiude in sè il tema sempre attuale dell'attore viaggiatore e profugo per eccellenza, in perenne esilio, in perenne ricerca di patria e di scena...ironia e melodramma si sposano con i toni della farsa, del musical, del teatro dell'all'assurdo. Un quadro ricchissimo...citazioni da Shakespeare, Wilde, Pirandello...riferimenti a Bergman e Fellini...Ottimi gli interpreti, nessuno escluso...Un esempio per molte compagnie di sedicenti professionisti, inesorabilmente scarsi.
Profughi, attori, inquieti,viandanti di e con P.Schiavo
Sabrina Faller- La Regione Ticino- Teatro di Locarno CH 1997

I misteri di Amleto conquistano le corti di Viterbo...Nel cortile rinascimentale del Palazzo dell'Amministrazione Provinciale...il primo Amleto è stato l'oggetto della singolare messa in scena. Da un lato...il professore, lo studioso Shakesperiano...dall'altra i tre attori in bilico continuo (oltre che sui cornicioni della facciata del palazzo) fra la finzione e la realtà. Da una parte l'Amleto scientifico, l'indagine attenta e ragionata; dall'altra l'Amleto folle, la spettacolarità... una forma di teatro nel teatro fatta di raffronti, di scontri, di mescolanze...interpretazioni altre e naturalmente, di dubbi.
Il primo Amleto lezione spettacolo a cura di Patrizia Schiavo con Alessandro Serpieri..."Quartieri dell'arte"
Francesca Paci - L'Unità -1997

...Una prima stesura del più celebre testo teatrale di tutti i tempi...la comparazione tra le due versioni è risultata particolarmente affascinante e ha visto in campo due "principi di Danimarca": uno giovane e l'altro più maturo...emblematica la scena con Gertrude costretta ad affrontare i due figli, ora distinti o nemici, ora fusi e complici, impegnati in un vero e proprio duello di parole...
Il primo Amleto lezione spettacolo a cura di Patrizia Schiavo con Alessandro Serpieri..."Quartieri dell'arte"
- Gazzetta di Parma - 1997


...un percorso suggestivo ideato da Patrizia Schiavo...con la teatralità di corte del re Claudio interpretato da Giampiero Fortebraccio...impermeabili e pezzi di carta per estrarre e ricreare il teatro...
Il primo Amleto lezione spettacolo a cura di Patrizia Schiavo con Alessandro Serpieri..."Quartieri dell'arte"
Corriere di Viterbo 1997

La voce di Patrizia Schiavo, per uno scioccante "concerto poetico- sonoro": aggressiva e dolente, sardonica e pietosa, colpisce come una frusta o accarezza malinconica, trascorrendo naturalmente dal ruolo di carnefice a quello di vittima...un gruppo che crede in quello che fa e lo fa con professionalità ed entusiasmo.
Il Rumore della notte di M. palladini
Sabrina Faller- La Regione Ticino- 1995

...a "sfruttarne" tutta la forza è la poliedrica Patrizia Schiavo...un lavoro decisamente impegnato come è nello stile della Schiavo...l'aspetto onirico... giocato sull'assenza fisica dell'amato...assume dimensione universale, divina.
Il Cantico dei Cantici
Giovanni Conti- La Regione Ticino 1995

...restituisce la carnalità senza censure del testo...Lo spettatore è sollecitato non solo dalle parole e dai gesti dell'attrice ma anche dai profumi, dagli  incensi, dalle vibrazioni sonore create dal percussionista Mariano De Tassis
Il Cantico dei Cantici
I.M.- Corriere del Ticino 1994

...il ritmo della musica accompagna gli esilaranti amplessi, consumati alla velocità delle vecchie comiche americane...lo spettacolo che ha riscosso un'enorme successo..."Sex-Machina"...trae ispirazione dal "Girotondo di Schnitzler...gli attori tutti bravissimi, hanno recitato in italiano, inglese, tedesco, spagnolo e in dialetto napoletano...da non perdere.
Sex-Machina scritto e diretto da Patrizia Schiavo
Mirta Gobbi. La Regione Ticino. Ascona CH 1994


Medea, l'attrice Patrizia Schiavo, racconta con passione e furore la sua storia. Allucinata, sconvolta, condannata a rivivere senza fine il suo terribile dramma, percorre in un crescendo ossessivo le tappe della tragedia...la voce dell'attrice, protagonista assoluta: ingigantita, moltiplicata in una serie di echi inquietanti, per esprimere rabbia e disperazione. Oppure intima e sussurrata quando ricorda l'amore e il dolore del tradimento...
Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio Krypton
Titti Danese 1993

...la divina Medea dell'intensa Patrizia Schiavo
Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio, Krypton
Carlo Rosati- Il Giornale d'Italia - "Racconti di venere" Trapani 1993

...sola in scena, Patrizia schiavo da prova di indubbio temperamento, conferendo alla protagonista un vigore espressivo ed una sensualità di rapinoso fascino mediterraneo...applausi scroscianti.
Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio, Krypton
Antonio Stefani-  Cosenza 1993


...la bella prova di Patrizia Schiavo che sa dare alla sua Medea toni di follia e di verità, conferma l'originalità e la validità della ricerca di questo interessante gruppo. Molto caldi gli applausi del numeroso pubblico
 Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio, Krypton
Magda Poli- Corriere della sera.  Milano 1993



...uno spettacolo certamente innovativo e pregnante...che qualifica lo Stabile di Palermo...una esperienza da non lasciarsi sfuggire.
Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio, Krypton
Piero Longo-  Giornale di Sicilia. Teatro Biondo di Palermo 1993


...intensa, convincente, ben ripiegata sulla parola, in marcia verso la follia, verso la più sola delle solitudini, maschera condannata a ripetere in un ciclo continuo i suoi delitti...
Me-Dea di M. Palladini, regia di G. Cauteruccio Krypton
Gianluca Favetto- La Repubblica. Torino1993


Nessun commento:

Posta un commento